Tutti pazzi per il latte vegetale, re della colazione delle star di Hollywood

Tutti pazzi per il latte vegetale, re della colazione delle star di Hollywood

Mandorla, soia, riso, cocco: le alternative vegetali al latte vaccino sono ormai parte integrante della quotidianità di moltissime persone, come viene sottolineato anche dal recente studio condotto dall’osservatorio Isola Bio Lab sui trend legati alla colazione. D’altronde il fascino di queste bevande, dal gusto intenso e al contempo dalle proprietà nutritive eccezionali, è assolutamente innegabile. Lo sanno bene anche le star di Hollywood, che dall’alto dei loro profili social seguiti da milioni e milioni di follower devoti promuovono sempre più spesso questi prodotti come parte integrante di un’alimentazione sana. E di una dieta a prova di macchina fotografica.

Testimonial d’eccezione

Tra le celebrità che hanno fatto del latte vegetale uno stile di vita troviamo per esempio l’attrice Blake Lively, fondatrice del portale dedicato al benessere e al lifestyle Preserve: l’ormai ex Serena van der Woodsen della serie Goddip Girl ha dichiarato di seguire una dieta a bassissimo contenuto di latticini, dove però figura immancabilmente il latte di cocco. E non è l’unica: anche Madonna, Demi Moore e Matthew McConaughey si sono dimostrati negli anni fan di questa bevanda; così come come la top model Elle Macpherson, soprannominata “The Body”, il corpo, da sempre attentissima a seguire un’alimentazione bilanciata e più che salutare. Ha confessato candidamente la sua personale ossessione per il latte di mandorla, invece, la prorompente attrice messicana Salma Hayek: a quanto pare questo prodotto sarebbe tra suoi personalissimi segreti per avere una pelle sempre radiosa.

Salma Hayek su Instagram.

Il parere dell’esperta

Già, ma al di là delle mode hollywoodiane, quali sono i reali benefici che queste bevande di origine vegetale possono apportare alla nostra dieta? A rispondere è la biologa nutrizionista Annalisa Olivotti: «Oggi si tende ad introdurre nella propria alimentazione questi prodotti a base di soia, di riso, di mandorla, di avena e di cocco, al posto del normale latte. In base al loro apporto energetico e contenuto di calorie e grassi -, precisa l’esperta – il mio consiglio è di alternare le diverse bevande, e di considerare caso per caso quelle più adatte alle proprie necessità. Il latte di mandorla, per esempio, può rappresentare un buon apporto di calcio, vitamine e antiossidanti. Il latte di riso, invece, è un alimento povero di proteine, ma tradizionalmente considerato rinfrescante e riequilibrante per il tratto gastrointestinale. Il latte di soia ha un buon equilibrio tra zuccheri e proteine e presenta un basso indice glicemico». Fondamentale, insomma, sembra essere imparare a leggere correttamente le etichette dei vari prodotti, per garantire al nostro organismo un corretto apporto di tutte le sostanze necessarie. A ribadirlo, in questo caso, è il volume Tutti i tipi di latte vegetale, scritto a quattro mani da Luigi Mondo e Stefania Del Principe, che oltre a illustrare le diverse caratteristiche di questi prodotti suggerisce anche il modo di utilizzarli in cucina, con ricette speciali che spaziano dal primo al dessert.

Translate »