Torta Donizetti, il dolce bergamasco che mette di buon umore

Torta Donizetti, il dolce bergamasco che mette di buon umore

caffe-del-tasso-25-anni-coi-menalli_7710fd5e-31f5-11e4-b351-b70a61e5de64_display
albicocche-cotte-crude noi
donizetti
gastronomiamangili_apertura
pasticceria-cavour
gigianca
carrponte
casual
0_ok_dome_
Barrier-768×512

Un dolce semplice e veloce, simile alla torta Margherita ma dalla tipica forma a ciambella e con l’aggiunta di albicocche e ananas canditi e aromatizzata con vaniglia e maraschino. Scopriamo insieme la leggenda che si cela dietro a questa deliziosa ricetta e la vera storia a molti sconosciuta.

Torta Donizetti: la leggenda

La leggenda narra che una sera il bergamasco Gaetano Donizetti e il collega e amico Gioacchino Rossini, fossero a cena insieme, ma che il primo fosse addolorato e affranto per colpa di una pena d’amore che non gli dava pace e che gli aveva portato via il sorriso e anche l’appetito. Fu allora che Rossini, stufo di vedere l’amico afflitto e per non farsi rovinare del tutto la cena, chiese al suo cuoco personale di preparare un dolce semplice, veloce e capace di far tornare il buon umore al compare musicista e compositore. Il cuoco si mise all’opera e tornò vittorioso con una ciambella soffice ricoperta da zucchero a velo, che al suo interno svelava albicocche e ananas canditi e il sapore inconfondibile di vaniglia e maraschino, la torta a quanto pare piacque molto al Donizetti e da allora tra le vie della città è facile sentir riecheggiare queste parole “se avete mal d’amore, basta una fetta di Turta del Donizèt e tutto passa”.

Torta Donizetti: la vera storia

Sebbene la leggenda appena raccontata possa sembrare verosimile e decisamente suggestiva la verità è un’altra. Infatti questo dolce non fu inventato dal cuoco di Rossini, ma creato e brevettato da Alessandro Balzer nel 1948, in occasione del centenario della morte di Donizetti (8 aprile 1848). Per chi conosce Bergamo il Balzer è una meta fissa per colazioni e merende all’insegna della genuina dolcezza, si tratta della storica pasticceria che dal 1936 si affaccia sul Sentierone, uno dei più importanti e famosi viali di Bergamo, proprio di fronte al Teatro Donizetti. Una trovata geniale quella dell’allora proprietario e pasticciere Alessandro Balzer, che decise di omaggiare il musicista più famoso di Bergamo e tra i più celebri operisti dell’Ottocento dedicandogli un dolce davvero speciale, facilmente replicabile a casa.

La ricetta della Torta Donizetti

La Torta Donizetti è diventata a tutti gli effetti uno dei dolci simbolo della città, la cui ricetta depositata deve rispondere ai requisiti stabiliti dal regolamento del marchio «BERGAMO, Città dei Mille… sapori». Inoltre per celebrare il grande compositore, l’8 aprile, data della sua morte, è diventata la Giornata Nazionale della Turta del Donizèt.

Ingredienti Torta Donizetti

260 g burro
150 g zucchero
100 g fecola
80 g farina 00
120 g ananas candito a cubetti
80 g albicocca candita a cubetti
8 tuorli
4 albumi
1 bacca di vaniglia
1 cucchiaio di maraschino

Procedimento

Montate il burro insieme a 120 grammi di zucchero, aggiungete i tuorli uno alla volta e amalgamate bene il tutto. Montate a neve i quattro albumi con i rimanenti 15 grammi di zucchero ed incorporate lentamente al composto precedente. Aggiungete gradualmente la farina, la fecola e quindi i canditi di albicocca e ananas, insieme agli aromi di maraschino e vaniglia. Imburrate uno stampo a cerniera a forma di ciambella del diametro di 24/26 cm., versatevi il composto, mettete in forno a 180° per circa 40 minuti. Lasciate raffreddare e spolverate con zucchero a velo.

Translate »