Taralli fatti in casa, tradizionali e non solo

Taralli fatti in casa, tradizionali e non solo

Vanno davvero cotti in acqua bollente?
Il tarallo napoletano
Taralli bianchi
Taralli “lunghi”
Sulla pasta

Irresistibili, perfetti per l’aperitivo, tondi, a goccia, salati, speziati, anche dolci: i taralli sono tipici della Puglia (e non solo), ma sono diffusi e apprezzati in tutta Italia. Scopriamo la ricetta tradizionale per preparare i taralli a casa e poi qualche idea sfiziosa per arricchirne il gusto.

Come fare i taralli fatti in casa

Ingredienti

Per preparare i taralli vi serviranno: 500 g di farina 00, 200 ml di vino bianco (secco), 150 ml di olio extravergine di oliva, sale,

Procedimento

Preparare i taralli tradizionali non è per nulla complicato anche se la procedura richiede un po’ di tempo. Si inizia impastando farina, olio e sale in un recipiente fino ad ottenere un composto friabile. Poi si aggiunge il vino e si continua ad amalgamare lavorando a mano sul piano di lavoro la pasta dei taralli per circa 5 minuti.

Quando il composto sarà uniforme è il momento di staccare i “taralli”: delle listarelle di pasta spesse circa 1 cm e lunghe circa 10. La cosa importante da fare in questa casa è ripiegare bene le due estremità delle listarelle in modo da creare una piccola ciambella di pasta.

preparazione dei taralli homemade

Il passo successivo è quello di farli cuocere in una pentola di acqua bollente: basta immergerli e aspettare che vengano a galla. Una volta tolti dalla pentola vanno scolati per bene e lasciati asciugare su un canovaccio pulito. A questo punto si passa alla cottura in forno: a 180° per circa 45 minuti.

Ancora più gusto ai taralli

Una volta preparati i taralli tradizionali, come detto, scopriamo in che modo si può “arricchire” la ricetta per renderli ancora più gustosi.

I sapori con cui arricchire i taralli homemade sono sicuramente quelli delle spezie e delle erbe aromatiche, come il pepe, il finocchietto o il peperoncino, l’origano, il rosmarino e la paprika, l’anice, il sesamo, la curcuma e il timo.

Ma quando si fanno in casa si può osare anche un po’ di più. Ecco quindi quelli con paté di olive nere, cipolle disidratate o con pomodori secchi e origano, alle cime di rapa, al formaggio, cacio e pepe, con olive e acciughe, con patate e rosmarino.

In tutti i casi questi ingredienti vanno aggiunti durante la preparazione dei taralli, cercando di regolarsi con la quantità di vino necessaria nell’impasto rispetto a quello che si va ad aggiungere per non creare troppa umidità. Nel caso di ingredienti come i pomodori secchi, le patate e il formaggio è necessario tritarli finemente prima di aggiungerli al composto con la farina.

Translate »