Sul lago d’Orta: alta cucina, relax ed escursioni per un’estate local | CucinoFacile.it

Sul lago d’Orta: alta cucina, relax ed escursioni per un’estate local

Sul lago d’Orta alta cucina, relax ed escursioni
Sul lago d’Orta alta cucina, relax ed escursioni
Sul lago d’Orta alta cucina, relax ed escursioni
Sul lago d’Orta alta cucina, relax ed escursioni
Sul lago d’Orta alta cucina, relax ed escursioni
Sul lago d’Orta alta cucina, relax ed escursioni
Sul lago d’Orta alta cucina, relax ed escursioni
Sul lago d’Orta alta cucina, relax ed escursioni
Sul lago d’Orta alta cucina, relax ed escursioni
Sul lago d’Orta alta cucina, relax ed escursioni

Da sempre gli italiani, per le vacanze, preferiscono il mare o la montagna, non considerando i laghi come meta per le escursioni.
In Piemonte c’è una piccola perla, che molti ci invidiano, il lago d’Orta. A poco più di un’ora di auto da Milano e Torino, meta preferita più dai turisti stranieri (francesi e svizzeri in testa) che da quelli nostrani. Svizzeri e tedeschi qui hanno acquistato molte delle belle ville che vediamo sulle sponde del lago, seconde case con vista su uno degli specchi d’acqua più romantici del mondo, con al centro l’isola di San Giulio.

Pella

Se Orta San Giulio è la cittadina più famosa e conosciuta, la più vivace è Pella con il suo borgo, che regala momenti di vera tranquillità: il canto degli uccellini all’alba, la vista delle barche a vela che veleggiano pacifiche nella sponda più tranquilla e silenziosa del lago, quella a ovest.
A Pella troviamo un piccolo hotel che è una vera bomboniera, premiato nel 2019 da Condé Nast Johansens come Best WaterSide Hotel 2020, Casa Fantini: solo 11 camere, un mix di oggetti d’epoca e high tech, un giardino rigoglioso e una piscina con cascata fanno di casa Fantini la meta perfetta per un soggiorno all’insegna del relax, del benessere e dell’alta cucina.

Il resident chef Paolo Bullone, vercellese di origine, nasce in una famiglia di agricoltori: sia la nonna che la bisnonna allevavano animali da cortile e gestivano l’orto. Lo chef è cresciuto con l’idea della materia prima, della cura e della qualità in ogni prodotto. La naturalezza che ha segnato la sua cucina, qualcosa che non ha dovuto imparare, ma che è nel suo Dna.
È una persona molto curiosa, ama andare alla ricerca delle eccellenze, assaggia sempre un prodotto prima di proporlo, ama il confronto con i colleghi. Per questa ragione, durante i periodi di chiusura del ristorante, viaggia alla ricerca di tecniche e piatti sempre nuovi e nuovi stimoli.

Tecnica, conoscenza della materia prima e profondo studio della tradizione sono i segreti di Paolo Bullone.
Anche se lui preferisce pensare alla cucina – e al ristorante – di Casa Fantini come a un esclusivo angolo cocoon, dove gli ospiti devono sentirsi prima di tutto a proprio agio, come a casa. Molto spesso i menu e i piatti vengono creati seguendo le esigenze dei clienti, assecondando i loro gusti. Un servizio tailor made a tutti gli effetti. Questo accade anche per il menu degustazione di 7 portate. È possibile pranzare o cenare alla carta, nella grande lounge situata al piano terra della struttura, oppure a bordo piscina o accanto al giardino.

Sul sito di Casa Fantini sono elencate le offerte e alcuni speciali pacchetti soggiorno, adattabili alle proprie esigenze.

Le escursioni

Visita all’Isola di San Giulio e alla basilica, che contiene affreschi e opere d’arte di diverse epoche. Da non perdere l’antichissimo Ambone romanico (pulpito per la proclamazione del Vangelo, secolo XII) uno dei pochi, in tutto il mondo, a essere rimasto integro; per questo è oggetto di ricerca per moltissimi studiosi che arrivando sull’isola da ogni parte del globo.

Una passeggiata lungo tutta l’isola vi permetterà di ammirare le sponde del lago da una differente angolatura.
L’isola è abitata, durante l’anno, dalle Suore del Convento Isola di San Giulio e da due persone che risiedono qui. Nei mesi estivi si popola di turisti e dei proprietari delle ville.
In una delle ville dell’isola di San Giulio hanno girato, nel 2016, il film “La corrispondenza” di Giuseppe Tornatore, con Jeremy Irons tra i protagonisti.

I prodotti monastici del Monastero di Germagno (VB), costruzione situata sulle pendici del monte Massone e che si sporge come un balcone naturale sul lago d’Orta. Qui producono miele, confetture, marmellate e alcuni alcolici, tutti fatti a mano dai monaci.
I monaci hanno recuperato e bonificato antichi terrazzamenti, dove coltivano frutti di sottobosco e frutta.
Per contattare il Monastero: monastero@monasterogermagno.it

Vini

Boca D.o.c
È la zona viticola più a nord-est e più alta del Piemonte (420-520 m).
Si trova in provincia di Novara, tra la Valsesia e il lago d’Orta.
Per scoprire questo raro vino e il suo terroir, prenotate una visita in cantina con degustazione.
Tra i produttori: Silvia Barbaglia, Cantine del Castello e Le Piane, che propongono ottimi prodotti sul territorio, Boca Doc ma non solo.

Translate »