Riaperture dei ristoranti: dal 26 aprile via libera alle cene all’aperto | CucinoFacile.it

Riaperture dei ristoranti: dal 26 aprile via libera alle cene all’aperto

Dopo la conclusione della cabina di regia a Palazzo Chigi per valutare le possibili riaperture delle attività nelle prossime settimane con un allentamento delle misure anti-Covid, il presidente del Consiglio Mario Draghi e il ministro della Salute Roberto Speranza hanno comunicato in una conferenza stampa le decisioni del governo.

Ristoranti: pranzo e cena all’aperto nelle zone gialle

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, con un giallo rafforzato, e qui i ristoranti potranno riaprire, non solo a pranzo, ma anche a cena, purché il locale abbia tavoli all’aperto. Secondo il parere degli scienziati, infatti, le attività all’aperto non dovrebbero incidere sull’aumento dei contagi. Per questo motivo potranno riprendere anche le attività sportive outdoor e gli spettacoli open air.

Le regioni che potranno passare alla fascia gialla dal 26 aprile si stabiliranno con i dati del 23 aprile e, a oggi, potrebbero essere Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Molise, Piemonte, le province di Trento e Bolzano, Puglia, Umbria e Veneto.

Coprifuoco e spostamenti tra regioni

Il coprifuoco al momento è confermato alle 22. Ci si potrà spostare tra regioni gialle, mentre gli spostamenti tra regioni di diverso colore sarà consentito solo in possesso di un pass.

Le altre riaperture

Dal 26 aprile tutte le scuole in zona gialla e arancione riapriranno in presenza al 100%. Il governo ha previsto poi un calendario di riaperture in linea con la campagna vaccinale: dopo i ristoranti, dal 15 maggio potranno riaprire le piscine e le spiagge, il 1° giugno le palestre, il 1° luglio potranno riprendere fiere ed eventi.

Draghi: la premesse è il rispetto delle regole

Draghi ha affermato che il governo con queste scelte ha preso «un rischio ragionato sui dati che sono in miglioramento» e ha aggiunto: «Questo rischio che incontra le aspettative dei cittadini si fonda su una premessa: che i comportamenti siano osservati scrupolosamente, come mascherine e distanziamenti, nelle realtà riaperte. In questo modo il rischio si trasforma in opportunità per la nostra economia e per la nostra vita sociale».

Translate »