(Quasi) tutto quello che sai sulla pasta è falso. Parola di Luca Cesari | CucinoFacile.it

(Quasi) tutto quello che sai sulla pasta è falso. Parola di Luca Cesari

I tortellini bolognesi
La carbonara
La carbonara/2
L’amatriciana
La diffusione della pasta
La pasta scotta

Nel ripieno dei tortellini? C’era il pollo. L’amatriciana? Fu inventata a Torino. La ricetta originale della carbonara? Un falso storico, praticamente non esiste.

Nel libro Storia della pasta in 10 piatti (Il Saggiatore, 280 pp., 22€, dal 25 febbraio), l’autore Luca Cesari – cuoco appassionato e vero e proprio storico della gastronomia – demolisce (quasi) ogni certezza sul variegato mondo del piatto simbolo della cucina italiana: la pasta.

«Il libro nasce da un profondo atto di amore verso la nostra cucina, che non ha bisogno di vivere di (falsi) miti. La storia parla da sola», dice Cesari.

Il messaggio è rivolto in particolare a coloro che ai fornelli inneggiano al valore “supremo” della tradizione, anche laddove, magari, una vera tradizione non c’è. «Lo dimostra proprio la storia della pasta, che è stata una evoluzione sempre costante e presente. Quasi nessuno dei piatti che mangiamo oggi è uguale a quello che ci propina il mito», racconta Cesari.

I (falsi) miti della pasta ve li raccontiamo nella gallery in alto. Intanto, per chiudere con una certezza consolatoria sappiate che esiste solo un piatto di pasta che è identico dal 1700 a oggi: i passatelli in brodo. «Un cibo talmente semplice e azzeccato che non c’è stato bisogno di cambiarlo. Per il resto, invece, è cambiato tutto».

Translate »