Polpettone di tonno: 5 ricette

Polpettone di tonno: 5 ricette

Polpettone di tonno: i consigli per prepararlo
Polpettone di tonno: i consigli per prepararlo
Polpettone di tonno: i consigli per prepararlo
Polpettone di tonno: i consigli per prepararlo

I polpettoni in generale sono sempre una buona idea perché sono facili da preparare, si possono fare in padella o anche in forno e sono versatili perciò ognuno può arricchirli come preferisce.
Quello di tonno in particolare può diventare un piatto sempre diverso.
Può essere fatto con le patate, può essere freddo e senza cottura perfetto per l’estate, può essere gratinato e passato in forno e può essere più o meno saporito con l’aggiunta di erbe e spezie.
Ecco qualche idea per prepararlo.

Polpettone semplice

Mescolate 240 g di tonno in scatola ben sgocciolato con 1 uovo e 30 g di parmigiano.
Aggiungete pangrattato quanto basta per raggiungere una giusta consistenza, sale e pepe.
Avvolgete il composto con la carta forno dandogli la forna di un polpettone e poi chiudete la carta a caramella utilizzando due spaghi per le estremità.
Cuocete in acqua bollente per 30 minuti coprendo quasi completamente il polpettone.
Utilizzate un coperchio e tenete sempre la fiamma bassa.
Una volta cotto e freddo, tagliatelo a fette.

In forno con le patate

Bollite 800 g di patate, lasciatele raffreddare e schiacciatele.
Mescolatele con 500 g di tonno sott’olio, due uova, sale, pepe, prezzemolo tritato e una manciata di parmigiano.
Se il composto dovesse risultare troppo morbido aggiungete del pangrattato, poco alla volta.
Dategli poi la forma di un polpettone e sistematelo su un foglio di carta forno.
Condite con un po’ di olio e infornate a 200° per circa 20-25 minuti.

A vapore

Preparate il polpettone con le patate come nella ricetta precedente, ma invece di metterlo in forno, avvolgetelo a caramella con la carta forno chiudendo bene le estremità con due spaghi e cuocetelo in una vaporiera oppure in una pentola lunga e alta. Copritelo per 3/4 con l’acqua.
Una volta pronto, passatelo comunque per qualche minuto in forno.

Al forno panato

Se vi piace il polpettone con un po’ di crosticina, panatelo.
Potete sia spennellarlo con l’uovo sbattuto e poi panarlo con il pangrattato, oppure utilizzare semplicemente il pangrattato per spolverizzarlo prima di cuocerlo.
Per un tocco di sapore in più preparate un mix di pangrattato e erbe aromatiche tipo prezzemolo o maggiorana e tritate tutto.

Senza cottura

Se non avete voglia e tempo di mettervi ai fornelli preparate il polpettone crudo.
Attenzione però perché le patate, almeno quelle, vanno bollite e, una volta fredde, schiacciate e mescolate con il tonno. Aggiungete anche capperi e prezzemolo tritati al coltello.
Un pizzico di sale e pepe e del pangrattato per dare un po’ di compattezza.
Avvolgete il polpettone nella pellicola trasparente e lasciatelo raffreddare in frigorifero.
Se gli date la forma di un pesce diventerà il classico pesce finto che tanto piace ai bambini.
Come accompagnarlo? Certamente con un po’ di maionese.