Pizza di scarola, la ricetta di Antonino Cannavacciuolo | CucinoFacile.it

Pizza di scarola, la ricetta di Antonino Cannavacciuolo

PER LA PASTA
Sciogliete il lievito di birra in 50 g di acqua tiepida. Impastate la farina con il lievito, 150 g di latte e altri 100 g di acqua. Quando gli ingredienti saranno amalgamati, aggiungete 15 g di sale e continuate a impastare finché il composto non sarà omogeneo e liscio.
Formate una palla e ponetela in una scodella ampia, coprite con la pellicola e lasciate lievitare per circa 2 ore.

PER IL RIPIENO
Mettete a bagno l’uvetta in acqua.
Mondate la scarola, lavatela e asciugatela, quindi tagliatela a pezzi lunghi circa 3 cm.
Soffriggete 1 spicchio di aglio in una padella con un filo di olio. Quando l’aglio sarà dorato, eliminatelo; unite le acciughe e fatele sciogliere nell’olio.
Aggiungete infine la scarola, l’uvetta strizzata e i pinoli. Regolate di sale, pepate e cuocete per circa 5 minuti. Scolate l’acqua in eccesso e lasciate raffreddare.

PER LA PIZZA
Dividete l’impasto in due parti uguali e stendetelo con un matterello. Ungete con un po’ di olio una teglia rotonda e foderate fondo e bordi con una metà dell’impasto. Bucherellate il fondo e riempite con il ripieno.
Chiudete la pizza con l’altra metà dell’impasto, sigillando bene i bordi, e bucherellatelo in superficie. Se volete, create un piccolo «camino»
al centro, ritagliando un dischetto di pasta con un tagliapasta.
Spennellate con il tuorlo sbattuto con 1 cucchiaio di latte e infornate la torta a 180 °C per 45 minuti circa. Lasciatela intiepidire prima di servirla.

Translate »