Pasta di San Giuseppe: la ricetta (facile e veloce) alla siciliana | CucinoFacile.it

Pasta di San Giuseppe: la ricetta (facile e veloce) alla siciliana

Pasta di San Giuseppe: la ricetta facile e veloce alla siciliana
Pasta di San Giuseppe: la ricetta facile e veloce alla siciliana

«In Sicilia, quando facciamo qualcosa o la facciamo in grande o niente. Ecco perché spesso non facciamo niente!», ironizzava un palermitano doc, Pino Caruso. E tra le “grandi cose” messe a segno dagli abitanti della terza isola più bella al mondo (secondo la classica Condé Nast 2019), ci sono svariate opere culinarie: dalle più leccorniose – quelle dolci: non solo cannoli e cassate ma anche sfinci, frutti di Martorana, buccellati e brioche col tuppo, solo per citarne alcune – ad icone salate come arancini e caponate.

LEGGI ANCHE

Sicilia d’arte: i 10 luoghi da non perdere assolutamente

Se da Trapani a Siracusa la pasticceria fa la parte del leone, anche i primi piatti della tradizione regionale sanno distinguersi di merito: dai busiati con «agghia pistata» alla pasta alla norma, fino ai meno noti ma non meno generosi anelletti al forno, passando per la minestra di fagioli e zucchine e le pasta di San Giuseppe, una preparazione “santificata” dal suo gustoso sugo vegetale.

Anche la Puglia vanta un piatto omonimo – dal dialetto: «a  Varv d’ San Gisepp» – ma se quella Made in Taranto è una ricetta carnosa a base bianca, con un condimento di ricotta addizionato di ragù avanzato dalla domenica, la stessa pasta diventa poco più in là (a a Bari) un trionfo di reginette con acciughe sottolio e pinoli.

LEGGI ANCHE

5 ricette facili (e buonissime) con le alici

Per riprodurre questa ricetta tipica del trapanese, tradizionalmente preparata a marzo in occasione della feste di San Giuseppe, è consigliabile optare per un un formato di pasta lunga come gli spaghetti o i maccheroni alla chitarra, da scolare al dente e finire di cuocere in padella, assieme agli altri ingredienti sbollentati. 

E il segreto della sua consistenza è nel pane: non semplice pangrattato ma vera e propria «muddica» ottenuta dal pane raffermo, tritata grossolanamente e poi tostata e insaporita con un filo d’olio, pepe e il condimento delle acciughe. Cliccate nella gallery in alto e scoprite come riprodurla a casa, da Agrigento in sù!

LEGGI ANCHE

La ricetta degli spaghetti «alla carrettiera» di Filippo La Mantia