Pasta al tonno: la ricetta infallibile (alla bolognese)

Pasta al tonno: la ricetta infallibile (alla bolognese)

Pasta al tonno: la ricetta infallibile (alla bolognese)
Pasta al tonno: la ricetta infallibile (alla bolognese)

È la ricetta salva-cena per antonomasia, l’apologia del “facile e veloce“, la prima cosa a cui pensi quando la credenza è vuota e il frigo piange. E non c’è niente di più sdoganato e illustre di un buon piatto di pasta col tonno.

Non tutti sanno che il più discusso piatto della cucina italiana – quegli spaghetti “bolognese” internazionalmente noti al femminile singolare, gli stessi per cui  il capoluogo felsineo è famoso nel mondo – altri non sono (o meglio erano, in origine) semplici spaghetti con sugo (rosso) al tonno. Un primo pomodoroso a base di cipolla con più di un secolo di storia, proliferato tra le case emiliane sin dall’inizio del ‘900 grazie alla commercializzazione del tonno sott’olio e alla distribuzione della pasta di lungo formato anche a Nord dello stivale.

Icona assoluta di italianità all’estero, lo spaghetto col tonno non smette di appassionare, oggi come ieri, il piccolo e grande schermo – da quello “consolatore” ripreso da Ettore Scola in C’eravamo tanto amati del 1974 alla versione “con parmigiano” di Alessandro Cattelan, che ha rivendicato la legittimità del formaggio sul pesce nell’ultima stagione di EPCC – mietendo proseliti anche oltre confine (la “tuna pasta with tomato sauce” è da tempo un must dei paesi anglofoni).

LEGGI ANCHE

Sua maestà il tonno in scatola (e tutte le ricette per mangiarlo)

Pratica, sostanziosa, saziante, questa preparazione sugosa si improvvisa a qualsiasi ora del giorno come a tarda sera (alzi la mano chi non hai mai cucinato una spaghettata di mezzanotte!) e necessita di appena quattro ingredienti: pasta lunga, quella buona, con semole di qualità superiore ed elevato contenuto proteico, ed il miglior tonno in scatola, privilegiando prodotti che non danneggiano l’ambiente (Greta vi osserva!); ma anche pomodori freschi (o una scatola alternativa di pelati) e una cipolla rosata di normale pezzatura (meglio se quella di Medicina).

Ma siamo davvero sicuri, noi italiani pastasciuttari così abili nel condirli cinematograficamente in salsa “Western”, gli spaghetti, di sapere farli ad arte, come si usava sotto le Due Torri nei “giorni di magro” (cioè quando ci si asteneva dal consumare carne)?

LEGGI ANCHE

15 ricette da fare con il tonno in scatola

Abbiamo creato questo pezzo per fugare ogni dubbio, inserendo nella gallery in alto la ricetta ufficiale – depositata dall’Accademia Italiana della Cucina alla Camera di Commercio di Bologna – per portare in tavola quando volete – a Ferragosto come la vigilia di Natale – il miglior piatto di spaghetti al tonno: roba per veri rompi-scatole. E sull’aggiunta o meno del parmigiano noi diciamo, clementi: «carta bianca!»

Translate »