Nuove polemiche sul menù senza prezzi: sì o no? | CucinoFacile.it

Nuove polemiche sul menù senza prezzi: sì o no?

Una nota influencer ha litigato attraverso i social con lo storico ristorante milanese Boeucc per averle dato il menù senza prezzi. Secondo lei, un’offesa. Secondo l’etichetta, galanteria. Naturalmente, non è l’unico ristorante a porgere alle signore al tavolo il menù di cortesia, è pratica elegante d’antan che si ripete ancora oggi in molti grandi ristoranti classici. Il gesto vuole essere un’attenzione verso il “gentil sesso” che si ritrova a condividere un pasto accompagnata da un uomo, il quale sarà così cavaliere da occuparsi del conto finale. Un gesto anacronistico oggi?

Menù senza prezzi alle donne: polemiche

La polemica è ricorrente, del resto è un’abitudine non solo italiana, piuttosto europea. Ad esempio, nel 2017 Jay Rayner, critico gastronomico del settimanale Observer del The Guardian, si era lamentato durante la cena al famoso ristorante parigino Le Cinq. Oggi, ne parla Beppe Severgnini sul Corriere della Sera, riprendendo la faida social dell’influencer che si è sentita offesa al ristorante Boeucc di Milano, fondato nel 1696, tanto da scagliare i suoi follower contro l’istituzione gastronomica milanese, che si è vista costretta a ritirarsi da Instagram come difesa invocando la difesa della legge. In quest’ultimo caso, forse è più da condannare la violenza sui social, inaccettabile.

Perché il menù senza prezzi alle donne?

L’Italia è una repubblica fondata sul lavoro, senza distinzione di sesso. L’epoca che viviamo oggi, poi, accentua ancora di più la libertà di essere – finalmente. L’attenzione di porgere il menù di cortesia alle donne al tavolo ancora oggi ha radici molto lontane, ben fondate sul concetto di potere di acquisto tutto al maschile. Del resto, le battaglie di emancipazione femminile vinte sono relativamente recenti e per fortuna si stanno facendo passi in avanti – ricordiamoci che il divorzio è diventato legge solo nel 1970 e che solo nel settembre 1981 la legge 442 cancellava dal codice penale italiano il delitto d’onore e il matrimonio riparatore.

Il menù senza prezzo non si trova in pizzeria o in trattoria, è una prerogativa dell’alta ristorazione. L’innocente interpretazione è che un pranzo o una cena in un ristorante costoso sia equivalente a un regalo di lusso: non mostrare lo scontrino, così come il conto. C’è anche da sottolineare che il menù di cortesia viene automaticamente dato in mano all’uomo, senza tenere in considerazione l’eventuale relazione tra le persone al tavolo. Oggigiorno non è certo il sesso a definire la possibilità di accollarsi il conto del raffinato ristorante. 

Ricordiamo anche che i ristoranti sono obbligati per legge a riportare i prezzi nei propri menù secondo il Decreto n.635 del 1940, oppure su un tabellone ben visibile.

Nel 2021, il mondo è per fortuna più libero e uguale, anche se la strada è ancora lunga. Anche questo gesto cortese potrebbe venir aggiornato, magari accordandosi al momento della prenotazione. E voi come vi regolate?

Translate »