Lingue di Procida: impossibile non innamorarsene! | CucinoFacile.it

Lingue di Procida: impossibile non innamorarsene!

Lingue di Procida: occhio ai limoni!
Lingue di Procida: attenzione alla suocera!
Lingue di Procida: le varianti per la farcitura
Lingue di Procida: un must a colazione
Lingue di Procida: dove assaggiarle a Procida?

Procida, Capitale della Cultura 2022. Se capiterete da quelle parti, non potrete mancare un appuntamento importante: quello con le lingue di Procida, un tipico dolce dell’isola.

Conosciute anche come lingue di bue, si tratta di un dolce da banco, fatto di pasta sfoglia e farcito con una deliziosa crema al limone procidano. Da gustare a colazione o come dolce merenda, anche mentre si passeggia, potete provare a replicarle nella vostra cucina. Ecco come.

Come fare le lingue di Procida: la ricetta

Gli ingredienti

Per fare in casa le lingue di Procida, vi occorrono: 500 g di pasta sfoglia (2 rotoli), 4 tuorli d’uovo, 1 albume d’uovo, 120 g di zucchero semolato, 400 ml di latte, 50 g di farina e la scorza grattugiata di 1 limone.

Il procedimento

In un pentolino, fate addensare a fuoco lento lo zucchero, la farina, 3 tuorli, la scorza di limone e lo zucchero, continuando a mescolare. Una volta ottenuto un composto denso e omogeneo, versatelo in un recipiente e copritelo con la pellicola. Ora stendete il primo rotolo di pasta sfoglia, ricavando dei piccoli ovali di misura 15×8 cm. Fate lo stesso con la seconda sfoglia. Bucate gli ovali ottenuti con i rebbi della forchetta. Sui bordi spennellateli con l’albume, e in uno degli ovali stendete un cucchiaio di crema. Fate in modo che non esca dai bordi. Ora adagiate sopra un altro ovale di sfoglia, avendo cura che i bordi aderiscano bene e siano ben sigillati (l’albume serve da collante). Spennellate tutti gli ovali con il tuorlo rimasto e un po’ di latte e spolverizzateli con dello zucchero. Preriscaldate il forno a 200° e infornate le lingue per 20 minuti, fino a che la superficie non sarà dorata. Sfornate e consumatele tiepide e croccanti.

Sfogliate la gallery per scoprire altri consigli e curiosità sulle lingue di Procida

Translate »