Lasagna, la ricetta originale

Lasagna, la ricetta originale

Lasagna al pesto
Lasagna ai funghi
Lasagna al radicchio
Lasagna: i vincisgrassi

Domenica, pranzo in famiglia: se proviamo a chiudere gli occhi, viene in mente lei, la regina della tavola festiva: la lasagna.

Ricetta tipica della cucina tradizionale, vero simbolo dell’italianità, la lasagna è un piatto che mette d’accordo tutti, grandi e piccini.

Anche se poi ogni regione la declina a modo proprio. Qui sotto, perciò, vi riportiamo la ricetta originale, mentre nella nostra gallery potete trovare qualche suggerimento per golose varianti, tutte da gustare.

Cos’è la lasagna?

Innanzitutto, cos’è la lasagna? Non è altro che una serie di sfoglie di pasta rettangolare, a base di uovo o di grano duro, fatte lessare, poi disposte a strati in una teglia o una pirofila, alternate a una farcitura, che può variare in base agli usi regionali. La ricetta tradizionale vuole il ragù e la besciamella.

Lasagna: la storia e l’origine

La storia della lasagna affonda le radici millenni addietro e vede anche una disputa – mai risolta – in merito alla paternità della ricetta originale. Di lasagna ne parlavano e scrivevano già gli antichi Romani: Apicio, gastronomo e scrittore romano, scriveva di una “lagana”, composta da sfoglie di pasta farcite con carne.

Un piatto talmente buono, che si diffonde in tutto il territorio: nel Medioevo, la lasagna conquistò i poeti Jacopone da Todi e Cecco Angiolieri, che ne scrissero nei loro componimenti, esaltandone la bontà.

E da qui, si arriva alla diatriba tra Emilia Romagna e Campania: in Emilia, durante il Rinascimento, si comincia a propagare la ricetta della pasta all’uovo, che è alla base delle lasagne con il ragù, ricetta perfezionata nel Seicento e ancora oggi riportata nei libri di cucina.

Un piatto che però si scontra con la lasagna partenopea, a base di sfoglie di pasta di grano duro e salsa di pomodoro.

Quindi, qual è la vera lasagna? L’Accademia italiana della cucina ha depositato nel 2003 la ricetta delle lasagne verdi alla bolognese, ovvero a base di ragù classico bolognese, parmigiano reggiano, besciamella, burro e sfoglia verde preparata con spinaci. Ma le lasagne napoletane – a base di ragù napoletano, polpettine, ricotta vaccina, provola, pecorino, olio extravergine d’oliva e sfoglia, rigorosamente “bianca” – sono quelle che vantano più antenati e prove scritte. Quindi? Suggeriamo un pari e patta: scegliete quale cucinare in base ai vostri gusti.

Lasagna: come preparare la pasta?

Ora addentriamoci nella ricetta: noi vi proponiamo quella alla bolognese, depositata presso la Camera di Commercio di Bologna. Cominciamo dalla pasta. Come ingredienti, vi occorrono: 400 g di farina bianca, 2 uova e 250 g di spinaci. Ecco come procedere per fare la sfoglia: impastate la farina, le uova e gli spinaci precedentemente lessati e setacciati. Poi spianate la pasta, creando una sfoglia sottile, da ritagliare in quadrati larghi. Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua da portare a bollore, dopodiché lessate le sfoglie e fatele asciugare su un canovaccio.

Lasagna: come preparare la salsa?

Ora procediamo con la farcitura, ovvero ragù e besciamella. Cominciamo con il ragù, per il quale vi occorrono i seguenti ingredienti: 300 g di polpa di manzo macinata grossa, 150 g di pancetta di maiale, 50 g di carota, 50 g di costa di sedano, 50 g di cipolla, 300 g di passata di pomodoro o pelati, mezzo bicchiere di vino bianco secco, mezzo bicchiere di latte intero, brodo, olio d’oliva o burro, sale e pepe. Ecco il procedimento: tagliate a cubetti la pancetta, tritatela e fatela soffriggere. Unitevi 3 cucchiai d’olio evo, 50 gr di burro, un trito di sedano, carota e cipolla e fate appassire a fuoco lento. Unite a questo punto il macinato e fate rosolare. Sfumate con del vino e fate evaporare. Infine, aggiungete la passata di pomodoro, coprite e fate sobbollire per circa due ore, allungando poco a poco con del brodo. Sul finire, aggiungete il latte e un pizzico di sale e pepe, per correggere l’acidità.

Ora passiamo a preparare la besciamella, per la quale vi occorrono: 100 g di farina 00, 100 g di burro, 1 lt di latte fresco intero, sale fino e noce moscata. Ecco come prepararla: fate sciogliere a fiamma dolce il burro in una pentola, aggiungete la farina setacciata e mescolate con la frusta. Fate cuocere finché non sarà dorata e, a questo punto, aggiungete latte, sale e noce moscata.

Lasagna: come cucinarla?

Ora è il momento di assemblare i vari preparati: imburrate una teglia o una pirofila, foderatela con uno strato di sfoglie, aggiungete uno strato di ragù, uno di besciamella e una spolverata di formaggio grattugiato. Ricominciate con uno strato di pasta, poi ragù, poi besciamella, fino a che non raggiungete quasi il colmo della teglia. Fate in modo che l’ultimo strato sia di besciamella, aggiungete dei fiocchetti di burro e mettete a cuocere in forno a 160° per circa mezz’ora. Controllate la superficie: quando sarà dorata, potrete sfornare e servire in tavola fumanti.

Translate »