La rivoluzione della crostata alle fragole | CucinoFacile.it

La rivoluzione della crostata alle fragole

Le fragole sono arrivate sui banchi del mercato portando con sé profumo, colore e dolcezza. Non sono irresistibili?
Impossibile non preparare macedonie, insalate, frullati, gelati e creme rosse e freschissime, proprio come quella preparata dalla nostra cuoca Joëlle Néderlants. La crostata di fragole che vi proponiamo, infatti, stravolge le regole classiche di questo dolce che solitamente prevede come base la classica crostata e una crema pasticciera o chantilly. Il rosa che si vede sotto alle fragole, ne rivela la presenza nella crema che è composta da fragole, panna fresca, zucchero e lime (del quale come vedrete nella ricetta qui sotto utilizzeremo succo e buccia).

Perché provare questa versione alternativa?

Per ritornare bambini

Quando eravamo piccoli, le fragole non erano mai troppo. Alla fragola era il nostro gelato preferito, la marmellata del mattino e la caramella più buona di tutto il pacchetto. Erano il trucco usato dalla mamma per farci mangiare un po’ di frutta nella macedonia e arricchivano i nostri pasticcini preferiti. Le fragole presenti della crema della crostata di copertina, vi faranno riscoprire un amore mai spento.

Perché è fresca

Nella crema alle fragole che si prepara in questa crostata, non ci sono le uova. questo elemento non è da sottovalutare con l’avvicinarsi dei primi caldi della stagione, poiché rende più leggero il risultato finale e meno delicata la conservazione della torta. Vi consigliamo comunque di far riposare in frigorifero anche le eventuali fette rimaste. Ammesso che avanzi qualcosa!

Perché è una tecnica che userete tutta l’estate

Oggi stiamo preparando una buonissima crostata di fragole, ma si sa, una tecnica è per sempre. Potremo infatti usare la stessa idea e le medesime dosi per assaporare alternative indimenticabili. Cosa ne dite ad esempio di provare tutti i frutti di bosco? I più indicati per consistenza e gusto sono mirtilli e lamponi, ma saranno perfette anche le more. Buonissimi anche i gelsi o ingredienti esotici come mango e papaia. La tecnica base prevede infatti di usare nella crema lo stesso frutto con cui decoreremo la torta, portandolo in primo piano.

Tante altre idee

Translate »