La ricetta della crema diplomatica

La ricetta della crema diplomatica

Crema pasticciera: gli errori da non commettere

Come si fa la crema diplomatica? Semplicemente unendo due tra le creme più classiche della pasticceria! Crema pasticcera + crema chantilly = crema diplomatica. Ecco come prepararla.

La ricetta della crema diplomatica

Ingredienti per fare la crema diplomatica

Per la crema pasticcera: 250 ml di latte intero, 50 g di zucchero,15 g di farina 00, 2 tuorli, la scorza di un limone non trattato

200 ml di panna fresca, 20 g di zucchero a velo, mezza bacca di vaniglia

Come fare la crema diplomatica

Abbiamo detto che la crema diplomatica nasce dalla combinazione di due grandi creme classiche della pasticceria. La crema chantilly e la crema pasticcera. Per prepararla, cominciamo dalla preparazione classica della crema pasticcera.

Per fare la crema pasticcera: scaldate il latte con la buccia del limone portandolo al limite dell’ebollizione. Nel frattempo, lavorate in una ciotola zucchero e tuorli d’uovo: aggiungete a questo composto la farina setacciata e continuate a mescolare fino a ottenere un composto omogeneo. Versate a filo il latte caldo privato delle bucce, sempre mescolando bene e fate raffreddare a temperatura ambiente.

Per fare la crema chantilly: montate la panna fredda con i semi di vaniglia in un recipiente che avrete raffreddato e, quando sarà montata a metà, aggiungete lo zucchero a velo. Montate ancora bene aiutandovi con delle fruste elettriche fino a raggiungere il risultato desiderato. Più la panna è montata, più la vostra crema diplomatica raggiungerà una consistenza leggera e ariosa.

Per fare la crema diplomatica: dopo esservi assicurati che la crema pasticcera si sia raffreddata bene, incorporatela alla crema chantilly con movimenti che vanno sempre dal basso verso l’alto per non smontarla.

Crema diplomatica in pasticceria

La crema diplomatica è una delle nostre creme preferite perché si presta ad arricchire tantissime ricette dolci e si sposa bene con tantissime paste. Ideale con la pasta frolla, si comporta bene anche con la pasta sfoglia e le basi più classiche come il pan di Spagna. Perfetta per farcire pasticcini come cannoncini, bignè e tartellette, è così buona che la amiamo anche sulle torte. L’idea in più per ottenere da questa crema il massimo della freschezza è abbinarla a frutti di bosco, fragole o kiwi. Molto interessante anche l’abbinamento con il cioccolato fondente, meglio se aromatizzato con bucce di limone o arancia.

La crema diplomatica è buona anche da sola

I più golosi la ameranno servita con i pancakes, ma possono usarla anche per accompagnare dolci lievitati come brioches, panettoni, veneziane, colombe. L’ispirazione poi, vien mangiando, soprattutto quando si parla di dolci al cucchiaio. Un’idea semplice e di grande effetto è quella di servire delle coppe in cui alterniamo pan di Spagna bagnato con il vostro liquore preferito, crema diplomatica e amarene. Un tuffo nei mitici anni ’80 che ci piace sempre.

 

 

Translate »