La giardiniera? Proviamola in agrodolce! | CucinoFacile.it

La giardiniera? Proviamola in agrodolce!

La giardiniera in agrodolce
La giardiniera in agrodolce
La giardiniera in agrodolce
La giardiniera in agrodolce
La giardiniera in agrodolce

La giardiniera è il modo migliore per conservare le verdure di ogni periodo dell’anno, per poterle gustare intatte nel loro gusto e sapore anche quando non sono più di stagione. Conservare la verdura in aceto è uno dei metodi più antichi per mantenere intatto l’aroma di ogni ingrediente, una preparazione che nell’ultimo periodo è tornata di moda! In questo caso, per preparare una giardiniera in agrodolce, all’aceto uniamo lo zucchero, per ottenere un gusto meno pungente e più delicato, che possa piacere anche ai bambini. Una volta pronta, potete utilizzare la vostra giardiniera come antipasto, da servire su crostini di pane scaldati, oppure per accompagnare un bel piatto di salumi misti o ancora con il pesce. Se avete nostalgia di piatti freddi come l’insalata di riso, la giardiniera hand made è perfetta da usare come condimento.

Spezie ed erbe aromatiche per un tocco in più

Per arricchire il gusto della giardiniera in agrodolce, potete aggiungere nella miscela di acqua aceto e zucchero anche alcune spezie o erbe aromatiche tra quelle che più vi piacciono, che daranno al vostro antipasto un sapore più pieno. Si accompagnano benissimo alle verdure noce moscata, chiodi di garofano e cannella. Ma anche erbe profumate come basilico, prezzemolo, timo, alloro e finocchietto. Le erbe aromatiche potete scegliere di aggiungerle fresche (se le avete), ma anche secche: avranno un profumo e un aroma più intenso, quindi diminuitene la quantità.

giardiniera-in-agrodolce

La ricetta della giardiniera in agrodolce

Ingredienti: 1 kg di verdure miste tra cui zucchine, peperoni, cipolline, carote e sedano, 120 g aceto di vino bianco, 70 ml di olio extravergine di oliva, 120 g zucchero di canna, 2 chiodi di garofano, qualche bacca di ginepro, 1 stecca di cannella, 1 foglia di alloro, un pizzico di sale.

Procedimento: lavate le cipolline, spuntate le zucchine, lavatele e tagliatele a tocchetti. Spellate le carote e il sedano e affettateli a listarelle, pulite i peperoni, eliminando i semi e le parti bianche, lavateli e tagliateli a pezzettini. In una pentola portate a ebollizione l’olio extravergine di oliva con l’aceto, lo zucchero, le bacche di ginepro, la cannella, l’alloro, i chiodi di garofano e il sale. Unite le cipolline, il sedano e le carote e fate sbollentare per quattro minuti. Aggiungete poi il resto delle verdure e lasciate cuocere ancora tre minuti, sino a che saranno cotte ma ancora croccanti. Togliete dal fuoco, scolatele con una schiumarola e versatele nei vasetti che avrete precedentemente sterilizzato. Riempite fino a 1 cm dal bordo con il loro liquido di cottura, chiudete i vasetti, rigirateli a testa in giù e lasciateli raffreddare in questa posizione, per ottenere il sottovuoto. Una volta freddi, verificate che si sia formato il sottovuoto (il coperchio deve fare il consueto click-clack) e lasciate riposare la vostra giardiniera in agrodolce qualche settimana prima di consumarla.

Nel tutorial qualche indicazione in più per una giardiniera perfetta

Translate »