Insonnia post lockdown? Ecco come riuscire a rilassarsi e dormire bene

Insonnia post lockdown? Ecco come riuscire a rilassarsi e dormire bene

Riso integrale
Carne di tacchino
Spinaci
Yogurt
Banana
Aringa
Avocado
Grano saraceno
Sgombro
Albicocche

La sera fate fatica ad addormentarvi oppure durante la notte dormite poco e male? L’insonnia dovuta all’emergenza COVID-19 è un disturbo molto comune. In questo periodo il 42% degli italiani ha problemi di ansia e ben il 24% soffre di disturbi del sonno. Lo rivela una recente indagine dell’Istituto Piepoli per il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli psicologi. Le preoccupazioni e le paure del periodo insieme all’isolamento sociale hanno peggiorato la qualità e la durata del riposo per diversi motivi. Quando si vivono situazioni particolarmente stressanti l’organismo produce livelli elevati di cortisolo, l’ormone dello stress, che favoriscono la veglia. Lo stare chiusi in casa inoltre ha spinto molti a mettere in atto comportamenti che influenzano in modo negativo la capacità di addormentarsi. La minore esposizione alla luce del sole, fonte di vitamina D, e l’uso dei dispositivi elettronici, come lo smartphone, fino a tarda notte, per esempio, favoriscono l’insonnia perché inibiscono la produzione di melatonina, l’ormone del sonno. Per migliorare il riposo notturno può essere utile adottare una sleeping routine su misura e fare attenzione all’alimentazione quotidiana. Le sostanze eccitanti di alcuni cibi possono rendere il sonno particolarmente agitato. Ecco 5 strategie da adottare a tavola per rilassarsi e ritornare a dormire bene, suggerite da Annamaria Acquaviva, dietista e nutrizionista per il California Prune Board.

Fate pasti regolari

Per favorire il riposo cercate di mantenere una routine regolare anche a tavola. In che modo? Mangiate sempre alla stessa ora e seguite un’alimentazione varia ed equilibrata. Il corretto apporto di tutti i nutrienti essenziali favorisce il buon funzionamento dell’organismo. I nutrienti presenti nei cibi infatti influiscono sul ritmo circadiano, che regola il ciclo sonno-veglia.

Non fatevi mancare il triptofano

Il triptofano è un precursore della serotonina, l’ormone del buonumore, che viene convertita in melatonina, fondamentale nella regolazione del ciclo sonno-veglia. Ne sono una buona fonte i legumi, la carne, il pesce, i latticini e i semi oleosi. Per esempio, per rilassarvi la sera e agevolare il riposo bevete prima di andare a letto una tazza di latte tiepido. Grazie alla presenza di casomorfine, oppiacei naturali, concilia il sonno.

A cena puntate sui carboidrati

I carboidrati complessi dei cereali integrali e dei loro derivati consumati senza esagerare agevolano il riposo. Favoriscono la produzione di serotonina, che induce il rilassamento e favorisce la sintesi della melatonina, che regola il ritmo sonno-veglia.

Sì anche alle fibre

A cena via libera a verdure come la lattuga, il radicchio rosso che favoriscono il riposo. Cavoli, carciofi, spezie piccanti invece possono essere di difficile digestione per i soggetti sensibili. Anche la frutta è una buona fonte di fibre. Le prugne della California in particolare hanno un elevato contenuto di potassio, vitamina B6, rame e manganese, preziosi per il buon funzionamento del sistema nervoso.

Evitate di esagerare con gli aperitivi online

I superalcolici inducono un sonno di cattiva qualità. Anche salumi e formaggi non sono affatto alleati del riposo. Oltre a fornire una quota importante di calorie e grassi saturi, contengono elevate quantità di sodio, che stimola la sete e disturba il riposo.

Nella gallery trovate 10 cibi da portare a tavola per dormire bene

Translate »