Il timballo alla ciociara

Il timballo alla ciociara

Il timballo alla ciociara: il piatto della tradizione contadina
Il timballo alla ciociara: il segreto è nel ripieno
Il timballo alla ciociara: la variante con la besciamella
Il timballo alla ciociara: la variante con i maccheroni
Il timballo alla ciociara: la variante nella sfoglia e nel ragù

Tutti sappiamo cos’è un timballo: uno sformato di pasta cotto al forno, che può essere a base di vari ingredienti, come riso, pasta, carne o verdure. Ma l’avete mai provato alla ciociara?

La Ciociaria è la regione a sud di Roma, che grossomodo coincide con la provincia di Frosinone. Terra verace e genuina, da qui ha origine il timballo alla ciociara, un piatto di estrazione povera, presente sulla tavola della festa la domenica mezzogiorno.

Se volete riproporlo a casa, qui sotto trovate la ricetta originale del piatto, mentre nella nostra gallery, vi diamo qualche suggerimento per delle gustose varianti.

Come fare il timballo alla ciociara

Ingredienti

Per fare in casa il timballo alla ciociara, occorrono: 400 gr di farina, 6 uova, 400 gr di carne macinata mista, 3 pomodori pelati e passati, 1/2 cipolla, ½ bicchiere di vino, basilico, 1 mozzarella, 100 gr di parmigiano grattugiato, 10 gr di burro, olio, sale e pepe qb.

Procedimento

Per prima cosa, va preparata la pasta fresca all’uovo. Create una fontana con la farina, rompete all’interno 4 uova, aggiungendo un pizzico di sale. Impastate ben bene, fino a ottenere un impasto omogeneo. Lasciatelo a riposo, poi stendetelo in una sfoglia fine, ritagliandola in grossi quadrati. Nel mentre, dedicatevi al ripieno: fate soffriggere in una padella la cipolla tagliata a fettine, poi aggiungete la carne macinata. Sfumate con il vino e dopo che è evaporato, aggiungete i pelati. A questo punto, aggiungete delle foglie di basilico e aggiustate di sale e pepe. Fate cuocere il ragù a fuoco medio per circa un’ora.

Nel mentre, fate lessare le sfoglie di pasta fresca, scolatela al dente, rinfrescatela e fatela sgocciolare su un panno bagnato. Lessate poi le uova rimaste per renderle sode.

È arrivato il momento di assemblare i vari ingredienti: in un tegame di coccio, mettete uno strato di ragù, poi uno di pasta. Poi ancora ragù, qualche fettina di mozzarella, delle rondelle di uova sode e una spolverata di parmigiano grattugiato. Ripetete l’operazione per altre tre volte. Terminate con il ragù, la mozzarella, il parmigiano e infine dei riccioli di burro. Fate gratinare in forno a 150° C per circa 30 minuti.

Translate »