Il melone: come sceglierlo, conservarlo e prepararlo

Il melone: come sceglierlo, conservarlo e prepararlo

Il melone è l’estate: il suo profumo intenso, che si avverte già al mercato o al supermercato, che ti accompagna nella borsa delle spesa e che poi continua a sprigionarsi sulla tavola, è l’estate.
Quando il caldo bussa alle porte, una delle cose che facciamo tutti in cucina è sostituire la cena con un bel piatto di prosciutto e melone. O no?

Come scegliere il melone?

Il melone è una pianta erbacea annuale, le varietà si dividono in estive e invernali e quindi la prima cosa da fare è sceglierne uno di stagione. Sì al melone Retato, tondo con la buccia disegnata da un reticolo fitto, dalla polpa dolce; al Cantalupo, molto dolce, profumato, dalla polpa soda; al Galia, dalla polpa bianca molto aromatica. Per scegliere un buon melone ricordatevi sempre di annusarlo: un melone profumato ha raggiunto una buona maturazione, se non profuma e tende al verde sarà acerbo.

Come conservare il melone?

Il melone può essere conservato fuori dal frigorifero ma al fresco, lontano da fonti di calore o dal sole diretto che velocizzano la maturazione (quindi non va lasciato in balcone, per esempio). Se dovete consumarlo subito, l’ideale è metterlo in frigorifero solo poche ore prima della consumazione. Attenzione se decidete di non consumarlo subito; soprattutto il Retato matura e marcisce in fretta, quindi in quel caso meglio tenerlo nel frigo ma lontano dalle pareti per evitare che geli.

Le ricette che abbiamo cucinato per voi

Translate »