I cannellini? Mangiamoli anche d’estate: freddi e così!

I cannellini? Mangiamoli anche d’estate: freddi e così!

Piccoli, bianchi e nutrienti: i cannellini sono un alimento strepitoso perché ricchi di tantissime sostanze che fanno bene alla nostra salute e perché sono perfetti da gustare anche freddi, in queste giornate di caldo dove si ha voglia di piatti freschi e invitanti. Chi non li ha mai provati lessati in insalata, con cipolle fresche affettate e tonno, cosparsi di un buon olio toscano e una spolverata di pepe nero? O frullati in una crema con olio e qualche foglia di rosmarino? In qualunque modo li si prepari, sono un alimento indispensabile per una dieta sana e per giunta ipocalorica!

Tutto il buono dei cannellini

I cannellini sono una varietà di fagioli piccoli, originari del centro Italia e soprattutto della Toscana: si trovano in un baccello verde chiaro e il seme è biancastro, arrotondato alle estremità. Sono ricchi di proteine e vitamine (soprattutto del gruppo B), oltre che di carboidrati e fibre. Contengono anche una buona dose di lecitina, una sostanza che favorisce l’emulsione di grassi, evitandone l’accumulo nel sangue e quindi riducendo il livello di colesterolo. Considerati da sempre una buona alternativa alla carne, per via delle proteine contenute, costituiscono in realtà un piatto completo ed equilibrato.

White Bean Salad

Cannellini: come si preparano

Il loro sapore delicato li rende perfetti per moltissimi abbinamenti, dalle verdure alle carni, persino ai pesci. Se li usate secchi, prima di cuocerli occorre lasciarli in ammollo per 24 ore, in un recipiente con acqua fredda. Più tempo staranno in ammollo, meno tempo servirà per cuocerli. In ogni caso, considerate che avranno bisogno di un’ora o più di fuoco lento per essere pronti, mentre se li utilizzerete freschi, basteranno 30 minuti. Procuratevi una pentola dal fondo spesso, meglio se di coccio, e uno spargifiamma. Mettete un filo di olio extravergine di oliva, copriteli di acqua (lasciate che sia a filo), aggiungete una foglia di alloro o qualche ago di rosmarino e fateli cuocere a fuoco dolcissimo, rigirando ogni tanto e schiumando, se necessario. Fate attenzione a non farli cuocere troppo, perché altrimenti si sfalderanno. Ricordatevi di aggiungere soltanto alla fine il sale: se messo prima indurisce la buccia e li rende più coriacei. Per ultimo: preferite sempre quelli secchi a quelli conservati in latta. Sono ricchi di esaltatori di sapidità e conservanti che sarebbe meglio non assumere.

Ricette estive con i cannellini

Sfogliate il tutorial per scoprire qualche idea in più per portarli in tavola. Qui di seguito invece qualche ricetta dal nostro archivio, per gustarli al meglio:

cn_recipe id=”38965″]