Frisceu: irresistibili frittelle liguri

Frisceu: irresistibili frittelle liguri

Frisceu o cuculli?

 

Frisceu: le varianti nell’impasto

 

Frisceu e agnello, accoppiata vincente

 

Frisceu di San Giuseppe

La Liguria, dal punto di vista culinario, è una terra incredibile, ricca di ricette tradizionali originali e inconfondibili: le trofie al pesto, i corzetti, la focaccia di Recco… i frisceu. Li avete mai provati? Sono delle frittelle salate, spesso proposte nei ristoranti come aperitivo o antipasto o anche come street food. Qualcuno infatti, simpaticamente le ha definite il “fish & chips” ligure.
Spesso vengono chiamate anche cuculli, ma vi è una sostanziale differenza, che vi sveliamo nella nostra gallery, insieme a qualche altra curiosità e dritta per riproporle in casa. Qui sotto, invece, trovate la ricetta originale.

La ricetta per i frisceu liguri

Ingredienti

Per 6 persone, vi occorrono: 250 gr di farina 0, 8 gr di lievito di birra, 180 gr di acqua, un pizzico di sale, 1 tuorlo d’uovo, 1 lt di olio di semi di arachidi e 1 mazzetto di borragine.

Procedimento

Per prima cosa, fate sciogliere il lievito di birra con l’acqua tiepida; poi unite farina, sale e olio, mescolando con una frusta a mano al fine di ottenere una pastella senza grumi. Lasciate risposare per un paio di ore, coprendo con la pellicola trasparente. Nel mentre, tritate la borragine e trascorse le due ore di riposo dell’impasto, aggiungetela. Infine, con l’aiuto di un cucchiaio o di un porzionatore da gelato, componete delle piccole palline di impasto, da tuffare nell’olio bollente a 180° di temperatura. Non appena i frisceu diventano dorati, scolateli e serviteli bollenti.

Translate »