Francesinha: il ricchissimo panino di Porto

Francesinha: il ricchissimo panino di Porto

Fatta eccezione per coloro che seguono una dieta alimentare priva di carne e di derivati animali, non si può visitare l’incantevole città di Porto senza lasciarsi tentare dal francesinha, una specialità gastronomica locale di fama internazionale. Si tratta di un ricco sandwich, ripieno di varie tipologie di carne, salsa, formaggio e altri ingredienti, che è stato inventato negli anni 60 e che fa parte della cucina della tradizione, amato da tutti e talvolta rivisitato con varianti moderne e originali. La facilità di preparazione e di reperibilità degli ingredienti, tutti popolari e dai prezzi abbordabili, unita al risultato corposo e sostanzioso, rendono il francesinha un piatto unico e appetibile.

Francesinha, il panino più goloso d’Europa

Se pensavate che un hamburger multistrato stile americano o un italianissimo sandwich ripieno di affettati a volontà fossero il massimo della trasgressione culinaria in fatto di panini, dovrete ricredervi. Difficilmente, in Europa, si può trovare una ricetta più ricca, elaborata e prelibata del portoghese francesinha. Questo panino calorico, dal gusto grezzo e dall’elevato numero di ingredienti, è un piatto imperdibile, da provare almeno una volta nella vita in uno dei tantissimi ristoranti e locali che lo servono a Porto. Proprio in questa città fu inventato negli anni 60 dall’emigrante Daniel da Silva, il quale, dopo aver vissuto in Francia e in Belgio, si cimentò in una versione portoghese del sandwich grigliato francese noto come croque-monsieur, ripieno di prosciutto e formaggio.

Ricetta classica e varianti

La ricetta classica consiste in un piatto tutt’altro che leggero e decisamente goloso, costituito da due fette di pane in cassetta grigliate ripiene di bistecche di manzo, salsicce portoghesi fresche, linguiça (insaccato speziato tradizionale, simile al chorizo), fiambre (prosciutto cotto di maiale), il tutto ricoperto di formaggio fuso e di una salsa a base di birra e pomodoro, e cotto al forno in una terrina di terracotta. Buona parte degli ingredienti contenuti nel francesinha sono tipologie di carne molto in voga in Portogallo, ciascuna caratterizzata da un sapore e da un livello di sapidità e piccantezza diversa, così come da una differente consistenza. Naturalmente è possibile utilizzare anche affettati, insaccati o carne assortite diverse, anche in base a quello che si ha a disposizione. In genere la carne viene cotta in padella nel burro o nella margarina.

Se questi condimenti da soli non fossero già sufficientemente grassi e calorici, così come lo spesso strato di formaggio a fette, ancora più sorprendente è la preparazione della ricca salsa di pomodoro con cui il panino viene ricoperto prima di essere infornato. Per questo sugo, acquistabile già pronto in molti supermercati portoghesi, non esiste una ricetta standard, ma solo tantissime varianti. Oltre alla base di aglio, cipolla, burro o margarina, salsa di pomodoro e birra chiara, si possono ad esempio aggiungere a piacimento vari tipi di carne (tipo pancetta), un mix di zuppa istantanea e brodo di pollo, amido di mais, foglie di alloro, vino Porto secco, brandy, piri piri o peperoncino piccante. Tanto è semplice, divertente e personalizzabile la preparazione, quanto incredibilmente complesso è il gusto del risultato finale.

Oltre ai numerosi ingredienti e strati già menzionati, il francesinha viene talvolta servito anche con un’aggiunta di uovo fritto e un letto di patatine fritte, e accompagnato da un boccale di birra. Insomma, più che un piatto, questo panino rappresenta l’identità del paese, ma anche una vera e propria sfida gastronomica di resistenza.

Foto: francesinha panino portoghese_Flickr_iNelsonRocha.jpg
Foto: Francesinha panino portoghese variante_adactio_Flickr.jpg

Translate »