Cuocere al cartoccio: tutti i segreti

Cuocere al cartoccio: tutti i segreti

La cottura al cartoccio è un metodo che consente di preservare tutte le proprietà nutritive di un alimento, di eliminare del tutto o quasi completamente i condimenti, e per questo è indicato nelle diete ipocaloriche, di esaltare i sapori e i profumi dei cibi da cuocere. Si sfruttano i vantaggi della cottura a vapore e di quella al forno, e si mantiene la consistenza e la succulenza di ogni pietanza.

Come si prepara il cartoccio

Normalmente si avvolgono gli alimenti da cuocere in fogli di alluminio o di carta da forno. In alternativa, per un risultato più morbido e più saporito, si possono utilizzare foglie di ortaggi, come la verza. Prima di porre gli ingredienti sul foglio è bene ungere quest’ultimo con dell’olio di oliva. Una volta posto il cibo lo si può inumidire con del liquido, che può essere acqua, vino, succo di limone o di arancia. Questo accorgimento vale soprattutto per alcune carni, come il pollo, che tendono a seccarsi.

Tutto ciò che insaporisce

Al cartoccio si possono cuocere carni, pesci, verdure e anche cereali. Potete condire gli alimenti con erbe aromatiche, spezie, aglio, cipolla, per intensificare il sapore del cibo, o porli a cuocere su un letto di verdure, soprattutto se si tratta di pesce o carni delicate. Una volta guarnite le pietanze, occorre chiudere il cartoccio, evitando che fuoriescano liquidi, e porlo in una teglia direttamente in forno, per un tempo che varia dai 15 ai 30 minuti, a seconda della grandezza e consistenza del cibo in questione. Una volta pronto potete servirlo direttamente nel cartoccio o impiattarlo facendo attenzione a recuperare il condimento, che non va assolutamente buttato!

Le ricette al cartoccio di La Cucina Italiana

 

 

Translate »