Come preparare in casa la salsa tzatziki | CucinoFacile.it

Come preparare in casa la salsa tzatziki

Lo tzatziki è una salsa a base di cetrioli, aglio e yogurt molto semplice da preparare. In Grecia, dove la ricetta è stata inventata, in tavola non manca mai, ma è molto diffusa nei Balcani, in Medio Oriente e ormai sempre di più anche in Europa. Di solito lo tzatziki viene servito come antipasto insieme a dei crostini di pane, come accompagnamento accanto a carne, pesce o verdure, oppure usato per insaporire la farcitura della pita (pane piatto e tondo), il kebab o i falafel. Rispetto alla maionese è molto più leggero perché non contiene uova e in più è un’ottima alternativa alla solita insalata per utilizzare i cetrioli, specialmente quando abbondano nell’orto. Per preparare lo tzatziki, secondo la ricetta originale, bastano pochissimi ingredienti. L’importante è giocare un po’ d’anticipo perché, una volta grattugiato, il cetriolo deve essere lasciato un’ora o scolare.

tzatziki
tzatziki

Tzatziki, la ricetta originale

Per quattro persone servono un cetriolo, 350 grammi di yogurt greco, due spicchi di aglio, mezzo limone, due cucchiai di olio extravergine d’oliva e un mazzetto di aneto. Prima di tutto lavare e spuntare il cetriolo. Con la punta rimossa sfregare con un movimento circolare l’estremità del cetriolo stesso. In questo modo si elimina il suo sapore amarognolo e lo si rende più digeribile. Quindi privarlo della buccia e grattugiarlo grossolanamente. A questo punto metterlo in un colino e lasciare scolare l’acqua di vegetazione per un’ora. Dopodiché, se necessario, strizzarlo e metterlo in una ciotola. Nel frattempo tritare l’aglio finemente fino a ridurlo alla consistenza di una crema, aiutandosi con il mortaio o con un frullatore. In una terrina versare lo yogurt, unire l’aglio e il cetriolo. Aggiungere l’olio a filo e il succo di mezzo limone e mescolare con un cucchiaio o una frusta. Per finire, aggiustare di sale e insaporire con un po’ di aneto tritato.

Trucchi e ingredienti alternativi

Per apprezzarne al massimo il sapore, lo tzatziki va servito freddo. L’ideale sarebbe lasciarlo riposare in frigorifero per una mezz’ora. Sempre in frigorifero, messo in un contenitore di vetro, si può conservare anche per un paio di giorni. Chi non ama l’aneto, può usare in alternativa dell’erba cipollina, mentre il succo di limone può essere sostituito con un cucchiaio di aceto bianco.