Ciceri e tria: non una semplice pasta coi ceci

Ciceri e tria: non una semplice pasta coi ceci

Ciceri e tria: le origini
Ciceri e tria: l’origine del nome
Ciceri e tria: il piatto per la Festa del Papà
Ciceri e tria: il tocco dei frizzuli
Ciceri e tria: la giornata nazionale

Pronte a viaggiare? Se non proprio con valigia e biglietto, almeno con i sapori. Oggi ci spostiamo a sud, esploriamo la cucina meridionale, per la precisione quella del Salento, la punta della Puglia, caratterizzata da piatti decisi e ricchi di gusto.
Della cucina salentina tutte conoscerete di certo i pasticciotti e i rustici, ma avete mai sentito parlare dei ciceri e tria? Tradotto letteralmente si tratta di pasta fritta con i ceci, ma dietro c’è tutta una storia da conoscere.
Nella nostra gallery, vi sveliamo qualche curiosità su questo piatto tipico, mentre qui sotto trovate la ricetta originale.

Ciceri e tria: la ricetta

Preparare questo piatto è un po’ laborioso, ma il risultato finale vi saprà ripagare di ogni sforzo. La sua particolarità è soprattutto nei frizzuli, dei pezzi di pasta che vengono fatti friggere e vengono utilizzati per terminare il piatto.

Ingredienti

Dovete procurarvi: 300 g di farina di semola di grano duro, 250 g di ceci secchi, 1 cipolla bionda, 1 costa di sedano, sale e pepe.

Procedimento

Per prima cosa, il giorno prima di guastare il piatto va preparata la tria: create una fontana con la farina, man mano aggiungete a filo dell’acqua tiepida e lavorate l’impasto fino a quando sarà compatto e omogeneo, poi lasciate riposare un’ora. Trascorso il tempo, prendete la pasta e stendetela con l’aiuto del matterello, quindi arrotolatela e tagliatela a rondelle, per ottenere delle fettucce, simili a tagliatelle. Infarinatele e lasciatele seccare per un giorno.

La sera mettete in ammollo i ceci in abbondante acqua con una manciata di sale grosso. Il giorno seguente, scolateli, metteteli in pentola in abbondante acqua e lessateli. Man mano che si formerà della schiuma, la rimuoverete con la schiumarola, avendo cura di rabboccarla con altra acqua salata. Una volta lessati i ceci, aggiungete della cipolla tagliata a fette e la costa di sedano, poi fate cuocere per due ore.

Ora occupatevi dei frizzuli, che non sono altro che della tria fritta: prendete una manciata di fettucce di pasta, friggetele in abbondante olio d’oliva, scolatele e asciugatele con della carta assorbente.

Nel mentre, lessate la tria rimanente in acqua salata. Una volta che i ceci sono pronti, scolateli e in una padella a parte, in cui avrete fatto un soffritto d’aglio. Unite i ceci alla tria, facendo insaporire bene il tutto. Guarnite con i frizzuli e buon appetito!

Translate »