5 primi piatti napoletani da fare a casa

5 primi piatti napoletani da fare a casa

Cannelloni alla napoletana
Cannelloni alla napoletana
Spaghetti con le vongole
Spaghetti con le vongole
Pasta fagioli e cozze
Pasta fagioli e cozze
Candele spezzate alla ‘Genovese’
Candele spezzate alla ‘Genovese’
Frittata di spaghetti napoletana
Frittata di spaghetti napoletana

Se il ragù napoletano contende storicamente a quello “alla bolognese” il primato di condimento più gustoso e rappresentativo del Bel Paese, nel vasto e variegato mondo dei primi piatti Made in Italy la “città delle 500 cupole” ha più di un asso da giocare.

LEGGI ANCHE

La ricetta del vero ragù napoletano

Le preparazioni a base di pastasciutta si sprecano, nel capoluogo che ha tenuto a battesimo la tecnica del torchio e della trafilatura al bronzo, lo stesso in cui è stato inventato il metodo di cottura più apprezzato – quello “al dente” – ed il matrimonio culinariamente più felice: l’incontro fra salsa di pomodoro e maccheroni (codificato fra ‘700 e ‘800 da due noti cuochi napoletani, Vincenzo Corrado e Ippolito Cavalcanti, che lo appuntarono per primi nei rispetti ricettari).

Non solo pizza e pastiera, sfogliatella e babà, insomma, all’ombra del Vesuvio: complici le tante influenze esterne – normanne, aragonesi, angioine, solo per citarne alcune – che ne hanno accresciuto i saperi e i sapori, Napoli – dove nel ‘600, con l’abbassarsi del prezzo della farina, la pasta divenne il cibo dei poveri – si è guadagnata la nomea di “Capitale internazionale della pasta” impiattando piatti di inarrivabile sapore, ricette così buone e ben eseguite da ispirare anche le cucine più remote (è il caso dei Naporitan Spaghetti tanto cari agli abitanti di Tokyo, che, col loro condimento rosso a base di pomodoro, aglio, bacon e verdure, sono entrati di buon grado nella tradizione del Sol Levante).

LEGGI ANCHE

Come si fa la pastiera tradizionale (con la ricetta del bar Gambrinus)

Dalla pasta “allo scarpariello”, con pomodorini, formaggio e basilico fresco, ai ravioli capresi aromatizzati con maggiorana, passando per la lasagna di Carnevale con scamorza e polpettine e la più rustica zuppa di fagioli, la tradizione napoletana della pasta spazia dai primi di mare a quelli di terra con allegra disinvoltura, accompagnata da un denominatore comune: la mediterraneità degli ingredienti, i più salubri e decisi.

LEGGI ANCHE

Come fare il ragù a casa secondo Antonino Cannavacciuolo

Scoprite qui, nella gallery in alto, 5 delle ricette più amate e consolidate della tradizione partenopea, dai classici cannelloni, conosciuti oramai in tutto il mondo, alla non meno iconica pasta alla “genovese” – un ragù bianco con cui condire le tipiche “candele” spezzate – fino alla frittata di spaghetti, il piatto vintage dei villeggianti, un’istituzione dello street food locale che è prima di tutto un comodo piatto anti-spreco.

Translate »